IL PAPA IN MESSICO, PERCHE’ ??

PAPA IN MESSICO

Acteal, Chiapas. Tre giorni prima che il Papa arrivava in Chiapas Francisco, Sebastian Perez Vazquez, presidente del consiglio della società civile Las Abejas, gruppo di pace e professare la fede cattolica, avverte che, anche se la loro religione promuove il perdono, reati quali il massacro di Acteal chiedono che la giustizia viene applicata.

“Noi come organizzazione sempre chiediamo giustizia, perché senza giustizia non può essere stabilita la pace. I colloqui nella chiesa sul perdono. Ci sono altri modi in cui si può perdonare. Non per tutto può esserci perdono. Ma per un crimine che è stato fatto, deve essere applicata la giustizia “, ha detto il leader della comunità indigena di origine-tzotzil Maya.

In piena organizzazione per ricevere il presidente della Chiesa cattolica, il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas, afferma categoricamente che “un angelo della morte aleggia in tutto il paese, instillando la paura e il terrore in ogni cuore, in ogni persona, montata in ogni casa dal turbine di impunità. Le violazioni dei diritti umani sistematiche e le azioni della criminalità organizzata in collusione con i governi a tutti i livelli, è diventato tutto il messico uno stato criminale, una dittatura istituzionalizzata “.

Dall’organizzazione della società civile Las Abejas, che si trova nel comune di Chenalhó, Chiapas, Sebastian Perez dice a più di 18 anni del massacro di Acteal in cui paramilitari del Partito Rivoluzionario Istituzionale uccise 45 persone della comunità (tra cui quattro donne in gravidanza a cui hanno aperto il ventre distruggendo anche i bambini), non c’è giustizia.

Contrariamente a questo, i responsabili del crimine, che è parte di una strategia di contro-insurrezione, sono stati assolti e rilasciati per presunte violazioni del giusto processo. Un mondo a testa in giù.

“Solo un po’ puniti i colpevoli, ma non i mandanti che sono poi il presidente del Messico, Ernesto Zedillo Ponce de León, e i tre livelli di governo”, si lamenta il presidente del consiglio di Las Abejas.

Con il gruppo di giornalisti in data 11 febbraio copre la “terra santa dei martiri di Acteal,” dice Sebastian Perez che ha accolto con favore la visita papale in Chiapas, sperando che il messaggio del leader religioso, oltre ad essere chiave per la pace e la difesa della gente, possa prendersi cura della madre terra e il miglioramento delle condizioni di vita.

“Siate il benvenuto Papa Francisco qui in Chiapas. So che porta una parola chiave. Il suo obiettivo principale è quello di difendere il popolo del Messico, per dare una parola di pace. È ciò che desideriamo “, ha detto l’indiano.

Frayba: “Messico, stato criminale”

Chi accoglie anche l’arrivo di Jorge Mario Bergoglio per l’entità del sud caratterizzata dalla lotta storica di resistenza e di emancipazione del loro popolo contro i vari progetti di colonizzazione, è il Centro dei Diritti Umani Fray Bartolomé de las Casas (Frayba).

In una dichiarazione, che costituisce l’organizzazione laica di ispirazione cattolica, delinea la realtà di “stato criminale” e “dittatura istituzionalizzata” che è diventato il paese, non solo la geografia del Chiapas e della  territorialità indigena.

I “tiempos sobrios” maneggiano anche il contesto e la realtà delle indigene e contadine del popolo, contadini che come in altre città organizzati, sono il bersaglio di una guerra che non finisce, ma si approfondisce.

Quindi in Chiapas e in Messico, i membri del Frayba vogliono la presenza del papa e la parola “anime los corazones y fortalezca los trabajos por la justicia, la defensa de la vida y de nuestra madre tierra”.

“cuore anime e rafforzare il lavoro per la giustizia, la difesa della vita e della nostra Madre Terra.”

PS:

INTANTO…

 Tredici persone, otto uomini e cinque donne, sono state uccise da colpi d’arma da fuoco in Messico. I loro corpi senza vita sono stati ritrovati in una strada di montagna isolata vicino alla cittadina di San Ignacio, nello stato nordoccidentale di Sinaloa, rende noto il quotidiano El Debate. Accanto ai corpi, bombe a mano e i bossoli di proiettili di Ak-47.

 

Precedente Mutilazioni genitali. Successivo La miseria sessuale del mondo arabo