DISinformare per esistere ?!? Gli stronzi galleggiano per non annegare.

informare-x-resistere-fascisti-ungheria

DISINFORMARE PER ESISTERE ?!?
Per prima cosa chiediamoci: “A CHI GIOVA ??”
Chi puo’ guadagnarci, nel pubblicare bufale e disinformazione, se non gli stessi che hanno paura di un popolo informato ?!?
E cercano di creare confusione mentale a destra e a sinistra, poichè un popolo ignorante è piu’ manipolabile, e se vogliono farci credere che “la destra e la sinistra non esistono”…
se vogliono farci credere che il “nostro salvatore” sia prima il Grillo sparlante… e dopo il Salvini ruspante…
potete stare sicuri che i bari scelgono sempre loro con chi iniziare a giocare a carte, e i loro “avversari” non potranno mai essere persone troppo sveglie !!
A chi “piace vincere facile” non verra’ mai in mente di competere con chi potrebbe sconfiggerli !!
E veniamo ai fatti:

Nelle ultime ore su Facebook è nato un nuovo sport: togliere il mi piace dalla pagina Informare per resistere. Oppure metterlo e poi toglierlo, se avete l’ansia della partecipazione. O anche toglierlo-metterlo-toglierlo-metterlo-toglierlo-metterlo, se siete dei compulsivi.
Questo sport è nato in concomitanza col Family Day, quella riunione di persone talmente proiettate nel futuro da sentire il bisogno di protestare contro dei diritti che ancora non sono stati nemmeno concessi. Io per esempio sto organizzando una manifestazione contro i clandestini europei che sbarcano sulle coste dell’Africa in fuga dalle glaciazioni.
Insomma qualcuno si è accorto che Informare per resistere era molto d’accordo col Family Day, al punto da parteciparvi con entusiasmo. E si è accorto anche che dall’ultima volta che aveva fatto un giro su quella pagina (tre o quattro anni fa circa) il clima e gli scopi e il tipo d’informazione diffusi erano cambiati come la faccia di Gabriel Garko.
In realtà questi “cambi di destinazione” sono più frequenti e diffusi di quanto si possa immaginare. L’eclatanza del caso probabilmente è legata alla rilevanza dei numeri (ieri Informare per resistere si aggirava sui 778mila like), alla centralità di certe tematiche scatenanti (il Family Day, la panna nella carbonara) e dal volo a 200 all’ora giù per il burrone di rocce appuntite con in fondo i coccodrilli dotati di laser al posto degli occhi che i contenuti di quella pagina hanno subito.
Quindi, per evitarvi altri traumi del genere, v’indicherò qui alcuni cambi di destinazione o modifiche sostanziali che sono avvenuti nel tempo in certe pagine Facebook e di cui forse non vi siete accorti:
Questo pomodoro avrà più fan di Silvio Berlusconi -> Il pomodoro non ha ancora raggiunto la cifra promessa
Lercio -> Pubblica notizie vere
Internazionale -> Invece dell’oroscopo di Brezsny contiene quello di Barbanera
Le migliori barzellette di Gino Bramieri -> Pubblica le peggiori
Gesù è il mio protettore -> Organizza raduni filo-nazisti
Lega Nord -> Adesso non ce l’ha più con i terroni
Matteo Renzi -> Ora si occupa di fenomeni paranormali
Rapimenti alieni -> Da un po’ è gestita da un commercialista di Aosta che pubblica trucchi fiscali ai limiti della liceità
Suore del convento della Beata Santa Claudia da Villanova -> È la fanpage di un gruppo metal di Sabaudia niente male.

I commenti sono chiusi.